Home 9 Articoli sul Tai Chi 9 Posizione del cavaliere: la prima posizione del Tai Chi

Posizione del cavaliere: la prima posizione del Tai Chi

Articoli sul Tai Chi

La posizione del cavaliere è una delle principali posizioni del Tai Chi e in generale della maggior parte degli stili delle arti marziali cinesi (raggruppate con il nome Kung Fu).

Questa posizione in cinese si chiama “Mabu” e prende il nome dalla postura simile a quella di un cavaliere a cavallo, tanto che nella sua versione estesa viene chiamata “Qi ma bu” che significa “cavalcare il cavallo”.

Come si esegue la posizione del cavaliere

La posizione si esegue con i piedi distanziati quanto la larghezza delle spalle e le punte poste in modo parallelo. Le ginocchia sono piegate e il bacino è leggermente ribassato e allineato con il peso del corpo.

Se è la prima volta che esegui questa posizione potresti sentire dolore alle gambe, ma ti posso assicurare che man mano che la esegui questo sarà sempre più inferiore e tutta la tua struttura inizierà a rafforzarsi.

Per approfondire: spiego questa posizione del corso online sui fondamentali di questa antica e straordinaria disciplina: Tai Chi Start

Quali sono i benefici della posizione del cavaliere

Ma bu è in assoluto la prima posizione che si insegna in un corso di Tai Chi ed è molto importante perché permette di sviluppare la stabilità, l’equilibrio e la forza delle gambe e del bacino, che sono fondamentali per eseguire correttamente la maggior parte dei movimenti del Tai Chi.

Inoltre, questa postura favorisce il corretto allineamento della colonna vertebrale, riducendo lo stress sulle articolazioni e migliorando la postura complessiva del corpo.

Grazie alla corretta pratica di questa posizione e il praticante aumenta la sua stabilità fisica, riduce il rischio di cadute e infortuni e acquisisce la capacità di svolgere nel modo più sano possibile attività quotidiane come camminare, salire le scale e sollevare oggetti pesanti.

E tu hai già eseguito questa posizione?

Fammelo sapere nei commenti.

 

Un saluto,

Maestro Marco

marco gamuzza

Marco Gamuzza

Divulgo il Tai Chi e le autentiche pratiche interne per il benessere del corpo e della mente attraverso guide, video e Corsi di Tai Chi online affinché tutti possano giovarne.

Leggi anche:

tai chi start dove seguirlo

Iscriviti al corso base

Accesso immediato al corso online

4 Commenti

  1. Roberto Romagnoli

    Maestro riesco a fare le posizioni molto bene perchè faccio un lavoro che mi tiene in piedi almeno 15 ore al giorno e quindi sulle gambe sono forte…no n stò praticando tutti i giorni proprio perchè devo trovare un equilibrio tra il tempo libero lavoro e riposo…spero di riuscirci …grazie mille per gli aiuti …

    Rispondi
    • Marco Gamuzza

      Ciao Roberto, sicuramente avrai le gambe forti, cerca comunque di trovare (anche poco) del tempo per imparare a distribuire bene il peso e la forza sottile attraverso le varie posizioni del Tai Chi come la posizione Mabu, definita la posizione madre.
      Un abbraccio
      Maestro Marco

      Rispondi
  2. Cristiano

    Maestro, ho provato una prima lezione di Tai Chi stile Yang, ho 49 anni e cercavo una disciplina cinese più vicina alla autodifesa con movimenti più rapidi e decisi…leggo nella sua pagina che per i principianti la strada da seguire è lo stile Yang prima di aventurarsi allo Chen,sono un po’ confuso,non sapevo che esistessero sei stili diversi.Graie nel rispondermi.

    Rispondi
    • Marco Gamuzza

      Buonasera Cristiano,
      il mio consiglio è quello di iniziare dallo stile Yang che è quello più rappresentativo della disciplina e che con il tempo può dare grandi soddisfazioni in termini di pratica.
      Considera che lo stile Yang ad alti livelli diventa molto profondo ed efficace, quindi durante i primi anni di pratica non indugerei troppo sulla questione degli stili che potrai considerare successivamente.
      Ad ogni modo, la cosa fondamentale in tutti gli stili è che i principi della disciplina devono essere presenti, come il lavoro sullo Zhang Zhuang sugli esercizi di Nei Gong per la comprensione e lo sviluppo della forza interna.

      Un saluto,
      Maestro Marco Gamuzza

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: