Home 9 Tai Chi Quan 9 Tai Chi Yang: Cos’è, Origini, Maestri + Esercizi principali

Tai Chi Yang: Cos’è, Origini, Maestri + Esercizi principali

da | 26 Gen 2021 | Tai Chi Quan

Il Tai Chi Yang è lo stile di Tai Chi Quan per eccellenza che è stato tramandato di generazione in generazione dalla famiglia Yang e che si è poi diffuso con maggiore successo in Cina e nel resto del mondo.

Attualmente, si tratta dello stile più noto della disciplina perché semplice da imparare, quindi adatto a tutti e quello che grazie ai suoi movimenti conferisce maggiori benefici.

Tai chi Yang: storia e origini

Il termine Tai Chi ha un significato molto profondo, e come spesso accade con la lingua cinese, è complesso tradurre in modo efficace per farne comprendere la vera essenza. Esaminando ogni singola parte, possiamo dire che dal punto di vista letterale:

  • Tai è immenso
  • Chi è polarità
  • Quan è una parola che ha più significati, tra cui i più frequenti sono stile e pugno
  • Yang è il nome dello stile, proveniente dalla famiglia Yang

Quindi, riassumendo potremmo definire il Tai Chi come lo stile della suprema polarità, vale a dire la disciplina che racchiude in sé i principi di armonia e forza di cui tutti possono giovare tramite la sua pratica.

Famiglia Yang

Prima della nascita dello stile Yang, il Tai Chi veniva tramandato solo tra i membri della famiglia Chen e quindi come accadeva anche per altre arti marziali cinesi non risultava accessibile agli altri.

Secondo la storia il Tai Chi stile Yang fu codificato dal Maestro Yang Luchan intorno al 1820 che studiò con uno dei membri della famiglia Chen, il Maestro Chen Changxing. Esistono varie storie intrise di leggenda che ci raccontano come Yang Luchan apprese il Tai Chi dal suo Maestro, alcune che hanno trovato maggiore fortuna altre meno.

La storia più nota narra che Yang Luchan scoprì che nel villaggio Chengjiagou si praticasse uno stile di arti marziali in grado di incanalare e gestire l’energia e così per avvicinarsi alla famiglia Chen che lo insegnava solo a suoi membri si fece assumere come servo.

Mentre i componenti della famiglia Chen si allenavano, Yang Luchan li osservava da un piccolo foro nella porta del cortile e in segreto apprendeva le tecniche del Tai Chi. Un giorno, il Maestro Chen Changxing si accorse che Yang praticava la sua arte e che era diventato piuttosto bravo, così dopo un primo momento di stupore decise di accettarlo come allievo esterno alla sua famiglia trasmettendogli il suo sapere.

Questa è la leggenda più amata dai praticanti di Tai Chi, è più probabile che il Maestro Yang Luchan avesse già una sua fama all’epoca e che abbia richiesto direttamente alla famiglia Chen di essere accolto per apprendere la loro arte e che loro lo abbia accettato.

In seguito, il Tajiquan Yang si diffuse tra i membri della famiglia Yang, in particolare tra i tre figli Yang Qi, Yang Yu e Yang Jian e poi suo nipote Yang Chengfu che contribuì in modo importante alla diffusione della disciplina. 

Per un Insegnante di Tai Chi la linea testamentaria è molto importante, perché contiene al suo interno l’eredità passata di Maestro in Maestro. 

Questa è la mia:

geneaologia tai chi marco gamuzza

Caratteristiche del Tai Chi Yang

Il Tai Chi nella sua versione antica aveva in sé i principi di attacco e difesa tipici dell’arte marziale, caratterizzato da movimenti complessi e esplosivi.

Lo stile Yang nasce dallo stile Chen e quindi conserva la sua connotazione marziale, ma la sua evoluzione lo ha portato a concentrarsi maggiormente su tutti quegli aspetti che riguardano il corretto scorrimento del Qi e il conseguente benessere fisico e mentale.

Tutti i praticanti di questa disciplina notano un miglioramento del benessere generale e i benefici più comuni sono:

  • Riduce in modo significativo lo stress, perché agisce direttamente sul sistema nervoso;
  • Migliora i sintomi della depressione con il corretto scorrimento dell’energia;
  • Potenzia articolazioni e muscoli, infatti uno studio ha evidenziato i benefici su coloro che soffrono di osteoartrite;
  • Incrementa l’energia fisica e mentale migliorando anche la concentrazione;
  • Rilassa il corpo e la mente e ti porta ad uno stato di consapevolezza nel qui e ora;
  • Aumenta il controllo della tua parte emotiva perché ti aiuta a fare focus e a credere nelle tue potenzialità fisiche e mentali.

Grazie ai movimenti lenti e continui e alle sue posizioni comode questa pratica è adatta a tutti e rappresenta un percorso ideale per tutti coloro che cercano un’attività che abbia un impatto positivo generale sia sul proprio benessere fisico che psicologico.

Stile Yang in breve…

  • I suoi movimenti sono lenti e continui, seguendo il perfetto bilanciamento di pieno e vuoto (yin e yang) come una sorta di meditazione in movimento;
  • Grazie all’ascolto di sé è possibile effettuare una “centratura” energetica riequilibrando corpo e mente;
  • Le posizioni e gli esercizi tradizionali rafforzano i muscoli e migliorano l’equilibrio fisico e il radicamento con conseguente impatto positivo su tutto l’apparato muscolare.

 

L’allenamento del Tai chi Yang

L’allenamento della disciplina è caratterizzato da una fase iniziale di riscaldamento articolare e armonizzazione muscolare volta a mettere in moto tutto il corpo e a coinvolgere tutti i meridiani energetici che lo attraversano.

Il mio programma di Tai Chi Yang è l’unico programma in Italia che non affronta solo alcune “parti” della disciplina come movimenti e forme, ma si sofferma su tutte le aree del Tai Chi, così da permettere al praticante di trarre il massimo dalla pratica.

  1. Saluto del Tai Chi e principi di teoria: in ogni programma che si rispetti deve essere presenta una parte legata alla teoria che ti faccia avere un quadro generale delle origini della disciplina, di parte della sua storia e cultura e dei principi teorici legati ai movimenti.
  2. Riscaldamento muscolare: a differenza di un riscaldamento classico qui si lavora su un riscaldamento muscolare definito “globale”, cioè coinvolgendo tutto il corpo.
  3. Ginnastica cinese: è strettamente connessa alla fase precedente e consiste appunto nell’eseguire degli esercizi specifici per mettere in atto tutti i meccanismi di corretta circolazione del Qi, l’energia vitale.
  4. Posizioni classiche: le posizioni nel Kung Fu in generale e in tutti gli stili di Taijiquan vengono considerate l’abc, con questo termine ci si riferisce alle posizioni statiche che conferiscono equilibrio, radicamento e stabilità al praticante.
  5. Respirazione del Qi Gong: imparare a respirare in modo salutare utilizzando specifiche parti del corpo su cui si concentra l’attenzione apporta enormi benefici e questo ormai appurato non solo in questa disciplina. Fin dall’antichità i cinesi conoscevano l’importanza del respiro, tanto da codificare e tramandare degli esercizi specifici definiti: gli esercizi per la longevità.
  6. Movimenti fondamentali del Tai Chi: subito dopo le posizioni troviamo i movimenti del Tai Chi volti a conferire coordinazione, armonia e benessere generale. La cosiddetta “meditazione in movimento” parte proprio da qui.
  7. Forme tradizionali: sono delle sequenze di movimenti e rappresentano l’essenza della pratica. Le forme rappresentano il principale patrimonio culturale di ogni stile e vengono tramandate di Maestro in Maestro. Tra le forme più importanti troviamo la forma 8 che è meno famosa ma perfetta per iniziare perché contiene le basi, la forma 13 che è tradizionale della famiglia Yang e si rifà a i tredici principi antichi ovvero le otto forze e le cinque direzioni, la forma 24 è universale ed è la più conosciuta al mondo e la forma 108 (o 103 in base al conteggio dei movimenti) che è la più completa e adatta per un pubblico di praticanti esperti.
  8. Esercizi in coppia: riguarda tutti quegli esercizi volti a sviluppare una buona sensibilità fisica e risposta automatica del corpo nel caso di attacco o spinta da parte del compagno di allenamento. In generale il Taiji è disciplina che si presta molto bene ad essere eseguita singolarmente, quindi non ti preoccupare se al momento non ha un compagno/a con cui fare gli esercizi in coppia, puoi partire da tutto il resto!
  9. Studio del Tui Shou: il Tui Shou è uno degli esercizi più famosi e consiste nello tutta una serie di qualità come la sensibilità alla spinta del compagno, la stabilità fisica, la reattività nel reagire all’attacco. Questo esercizio viene svolto in totale sicurezza e rappresenta un punto molto importante all’interno di un programma.
  10. Pratica dello Zhan Zhuang: nelle pratiche interne viene eseguito l’esercizio dello Zhan Zhuang, in questo caso si tratta di una pratica che puoi fare singolarmente e da una parte ha la capacità di farti sviluppare una forza interiore (fisica e mentale) e dall’altra porta grandi benefici alla salute tra i vari un rafforzamento dei muscoli degli arti superiori.

 

Conclusione

In questo articolo ti ho parlato del Tai Chi Yang, lo stile più famoso di questa antica disciplina che in Cina spesso viene definita come un prezioso Elisir di Lunga Vita. Si tratta di una pratica che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre maggiore successo negli Stati Uniti e in Europa, coinvolgendo praticanti di ogni genere ed età, proprio perché adatta a tutti.

Ti invito dunque a scaricare la video lezione completamente gratuita che ho creato appositamente per te, in cui imparerai: la prima importante tecnica di respirazione così da educare il tuo apparato respiratorio a ossigenare bene i tessuti muscolari e a rinvigorire la tua energia vitale e i primi tre movimenti basilari della disciplina, per iniziare ad avere consapevolezza del tuo corpo.

Clicca qui per vedere la Video Lezione di Tai Chi

Ci vediamo nella lezione!

Marco Gamuzza

Domande frequenti

In questo capitolo troverai le domande frequenti di chi si approccia alla disciplina da poco.

Cosa mi serve per praticare Tai Chi?

Per praticare questa disciplina basta davvero poco, un abbigliamento comodo come una tuta e delle scarpette da tennis e un metro o due di spazio (va benissimo nella tua casa) in cui posizionarti per la pratica.

Nella stagione estiva ti consiglio di praticare all’aperto, in un parco vicino casa, al lago, al mare, in montagna, infatti il contatto con la natura contribuisce ad amplificare il generale benessere psico-fisico ottenuto con il Taijiquan.

Quante forme ci sono le Tai Chi Yang?

Le forme del Tai Chi vengono definite in base al numero di “movimenti” all’interno della sequenza. Quelle principali dello stile yang sono la forma otto, la forma tredici e la forma ventiquattro.

 Invece, tra le più avanzate sentirai parlare della forma 108 (o 103 in base al conteggio) che è consigliato praticare solo aver raggiunto un buon livello di pratica.

Quali sono le differenze tra i vari stili di Tai Chi?

Questa disciplina che è al contempo una straordinaria arte marziale ha principalmente 5 stili:

 

  1. Stile Yang, di cui abbiamo parlato in questo articolo, si tratta della variante più semplice, efficace e diffusa al mondo.
  2. Stile Chen, la corrente più tipicamente marziale che insegno di solito a chi ha interesse a sviluppare la sua forza interna (con uno scopo quindi più combattivo). Insieme all’arte marziale interna Yi Quan è lo stile più interessante per chi è interessato a sviluppare la forza interna.
  3. Stile Wu, gli ultimi tre stili quindi Wu, Wu Hao e Sun sono quelli meno conosciuti. Lo stile Wu nasce dal Maestro Wu Jianquan e combina movimenti dello yang con una postura più inclinata verso il basso, così da aumentare il radicamento al suolo.
  4. Stile Wu Hao, fondato dal Maestro Wu Yuxiang e caratterizzato da movimenti più ridotti e dal corpo in posizione eretta.
  5. Stile Sun, Lo stile Sun è stato codificato da Sun Lu Tang e combina alcuni movimenti tipici del Taichi con quelli di altri stili come il Bagua.

Qual è lo stile più famoso?

Lo stile più famoso è decisamente lo yang che è quello più praticato al mondo, in Cina, negli Statu Uniti e in Europa.

Cosa sono i tredici movimenti del Tai Chi?

Quando si parla dei tredici movimenti del Tai Chi si fa riferimento a tredici principi di cui otto tipi di forze e cinque direzioni che sono stati incanalati in una forma chiamata appunto Forma Tredici Movimenti.

Come puoi imparare il Tai Chi?

Le basi del Tai Chi puoi impararle attraverso le video lezioni che propongo in cui partendo dalle base ti insegno tutti i fondamentali della disciplina.

Guarda la lezione gratuita di Tai Chi Quan

Come si diventa Maestro di Tai Chi?

Il percorso consigliato per diventare Maestro di Tai Chi è quello prima di apprendere la disciplina nella tua interessa e comprenderne i concetti chiave.

In un secondo momento puoi partecipare ad un corso di formazione nel quale proseguito lo studio imparerai anche i più moderni metodi pedagogici di insegnamento. 

Una volta frequentato il corso e passato l’esame ti sarà possibile diventare Allenatore di Tai Chi.

marco gamuzza

Autore: Marco Gamuzza

Divulgo il Tai Chi e le autentiche pratiche interne per il benessere del corpo e della mente attraverso corsi, guide e video affinché tutti possano giovarne.

Potrebbero interessarti anche:

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ritrova la Tua Energia, Guarda Gratis la Lezione di Tai Chi

Social Proof
error: Content is protected !!

Pin It on Pinterest